This morning the sun is bright. It dazzles with some clouds, sliding into a shy-light-blue sky.
I’m waiting to interview a Rainbow people representative, for my Rainbow people section (afterwards; I will know she is a very beautiful person. If you are are curious enough, here you are the right link to know what she told me).
From the door of the bistrot where I am supposed to taste something while speaking with Roberta Savona, Dante Alighieri comes out in his red velvet dress and the forehead crowned with laurel and his snipe nose.
Dante seems woozy and he does not understand what is going around: cars, buses, monuments…
”What kind of things are these ones that are filling up the world, while I was away?” seems to come out from his head.

Obviously, Dante is not Dante. He is a journalist, a very famous Italian one, named Gianni Ippoliti, know as being ironic and biting and for his random – way interviews along the street with common people. A cameraman is following Dante-Gianni.
I’m still waiting, looking around to discover where Roberta will come over. I take my book and start reading. My mobile rings and I get the call. It’s Elena, a nice friend of mine and my theatrical director. We start stalking about our personal stuff.
“Gentle lady, you are talking at phone too much!!!!” It’s Dante-Gianni breaking the veil of shyness. The cameramen is laughing. In a minute, I’m in the spotlight: a microphone near my lower lip and a eye of glass towards my smile. And Elena, too, but on the phone.
“Whit whom are you talking at?” (Dante-Gianni)
“With a friend of mine, Elena” (me)
“Where does this voice come out?” (Dante-Gianni)
“From here, from this black structure.” (me)
“May I talk to Elena?” (Dante-Gianni)
“Elena, may Dante talk to you?” (me)
“Yes” (Elena)
“Then I put you in speaker phone” (me)
“Elena, is it true that spring is the best season ever?” (Dante-Gianni)
“Yes, they say so.” (Elena)
“I like winter.” (me).
We go on talking with Dante-Gianni and he is still curious of my mobile. I am happy. Elena is giggling.
We leave each other this way: ma reaching Roberta, Elena going to Next Fall rehearsal (I soon will tell about that), Dante-Gianni searching for another “victim” of his curiosity.
In the end, this sunny Thursday, at its beginning, has been cracking as a firework when you do not know the shape or shining.
In restrospect, thinking about my meeting with Roberta, this sunny Thursday morning has had the right beginning.
PS: TV broadcasting name is L’Italia con voi.

(Un giorno nella vita di una wedding planner: Dante Alighieri, L’Italia con voi.
C’è il sole stamattina. Brilla in compagnia di qualche nuvola in un cielo azzurro timido. Sono lì che aspetto una persona da intervistare perché è una Rainbow people e una persona davvero bella. Dalla porta del bistrot esce Dante Alighieri. Veste di velluto rosso. Corona d’alloro. Naso aquilino. Si aggira come incerto, come chi non capisca cosa siano tutte queste cose di cui si è riempito il mondo, mentre era via. Ovviamente, Dante è un giornalista. Quel giornalista di nome Gianni Ippoliti, accompagnato da un cameraman.
Io aspetto. Mi guardo intorno non sapendo da che parte arriverà Roberta. Prendo il mio libro e inizio a leggere. Il telefono vibra e rispondo. É Elena, la mia amica. La mia regista. Parliamo di cose nostre.
“Gentile donzella, ma lei è al telefono da tre ore “. É Dante-Gianni che ha intaccato, del necessario, il velo della sua timidezza e mi ha puntato contro il microfono e la telecamera. É troppo forte. Punta diretto al mio cellulare
“Con chi sta parlando al telefono?”
“Con una mia cara amica, Elena.”
“Ma da dove esce la voce?”
“Da qui, da questa struttura che si confonde con il nero.”
“Posso fare una domanda a Elena?”
“Elena, ti può fare una domanda?”
“Si.”
“Allora, vi metto in vivavoce.”
“Elena, è vero che la primavera è la stagione più bella?
“Si, diciamo di si.”
(A me piace l’inverno, dico io)
Continuiamo a parlare con Dante sempre più curioso di quella diavoleria. Io allegra. Elena che sghignazza.
Ci lasciamo così. Dante alla ricerca della prossima persona che lo incuriosirà.
Io incontro a Roberta.
Elena alle prove di Next Fall (di cui vi parlerò presto).
Un inizio di giornata scoppiettante come un fuoco d’artificio di cui non conosci la forma e il brillore.
Con il senno di poi e pensando al mio incontro con Roberta, il giusto inizio per conoscere una persona bella e vera.)